che cos'è l'eritritolo immagine

Che Cos’è l’Eritritolo

Categorie : Dieta Chetogenica, Dieta Low Carb

Questa pagina potrebbe contenere alcuni link di affiliazione, che significa che potresti essere indirizzato in siti sicuri che contengono consigli per i tuoi acquisti (pertinenti all'argomento). Non sarai obbligato ad acquistare, ma se acquisti tramite questi link, questo blog potrebbe ricevere una commissione sulla vendita. Questo non influisce sul prezzo del prodotto che acquisterai, ma supporterai il lavoro che c'è dietro a questo sito! Grazie!

Se segui una dieta con pochi carboidrati, avrai probabilmente sentito parlare dei dolcificanti alternativi, cioè i sostituiti a zero calorie o pochissime calorie dello zucchero tradizionale. In particolare ti starai chiedendo “Che Cos’è l’Eritritolo?“, in quanto è un nome molto ricorrente nella dieta chetogenica.

L’eritritolo (comunemente indicato con la sigla E968) è un alcool zuccherino (la maggior parte delle molecole i cui nomi terminano con -olo sono classificati come alcoli) presente in natura nei prodotti di origine vegetale, come pera e uva o verdure come mais e funghi, e viene estratto industrialmente proprio a partire dagli zuccheri vegetali.

Il prodotto finale assomiglia allo zucchero semolato, ma in commercio si trova sia granulato che in polvere. Noi lo preferiamo in polvere, poiché l’eritritolo granulato è un po’ più difficile da sciogliere rispetto allo zucchero normale. Ma se lo trovi solo granulato, puoi ottenere un ottimo risultato frullandolo in un robot da cucina. In ogni caso, qui puoi acquistare il tuo eritritolo in polvere in pochi secondi!

Tecnicamente, l’eritritolo è un carboidrato, anche se i carboidrati contenuti in esso non influenzeranno l’assunzione complessiva degli stessi.

Quando si usa l’Eritritolo

Molte persone possono beneficare delle proprietà di questo dolcificante alternativo.

Intanto, è ottimo per le persone con problemi metabolici, diabete e obesità. Inoltre, sta guadagnando sempre maggiore popolarità tra i seguaci della dieta chetogenica grazie alla sua natura low-carb. Dal momento che non è metabolizzato dal nostro corpo, non possiamo usarlo per ottenere energia. È semplicemente ingerito e poi espulso.

L’eritritolo non è però paleo-friendly: viene ricavato industrialmente, e gli uomini delle caverne sicuramente non sarebbero stati in grado di ottenerlo. Alternative migliori per la dieta paleolitica potrebbero essere il miele, lo sciroppo d’acero, lo zucchero di palma da cocco, la radice di cicoria, le banane molto mature o i datteri di Medjool.

Per quanto riguarda le persone che seguono una dieta priva di glutine, lo zucchero normale è senza glutine (come pure le alternative paleo appena elencate) e pure l’eritritolo, che ti permette anche di ridurre il consumo di carboidrati!

Vantaggi e controindicazioni dell’Eritritolo

Molecole come l’eritritolo non possono essere digerite dall’uomo, poiché non possiede quel particolare enzima necessario. Quindi passano attraverso il corpo senza avere gli effetti dannosi dello zucchero tradizionale. La maggior parte di questa sostanza viene eliminata attraverso la nostra urina, dando come risultato ZERO carboidrati netti!

Per ottenere il conteggio esatto dei carboidrati contenuti in un alimento con eritritolo, il calcolo è il seguente. Se, per esempio, in una ricetta ci sono 4 g di eritritolo, devi sottrarre quei 4 g dal conteggio totale dei carboidrati (e sottrarre anche la fibra!). Questo ti darà i carboidrati netti, che è il numero che si cerca di tenere basso nelle diete low-carb.

I vantaggi dell’eritritolo sarebbero i seguenti:

  • Pochissime calorie: circa 0.2 Kcal per grammo
  • Indice glicemico pari a ZERO
  • Assenza del caratteristico retrogusto tipico dei dolcificanti sintetici o semisintetici
  • Non è metabolizzato dai batteri orali, quindi non causa la carie

Per quel che riguarda le controindicazioni, uno studio della rivista scientifica Food and Chemical Toxicology non ha rilevato alcun legame tra consumo d’eritritolo e rischi cancerogeni o cardiovascolari, e pare che gli edulcoranti artificiali in generale siano relativamente sicuri anche in grandi quantità.

Le persone con lo stomaco sensibile però, dovrebbero prestare attenzione agli alcoli di zucchero come l’eritritolo, in quanto possono causare disturbi gastrointestinali a causa della loro mancanza di digeribilità. Quindi, se soffri di sindrome dell’intestino irritabile, dovresti limitarlo a piccole quantità o evitarlo del tutto.

In conclusione, come con qualsiasi zucchero o dolcificante alternativo, è importante usare l’eritritolo con moderazione come parte di una dieta sana ed equilibrata, in quanto non dovrebbe essere un invito aperto a caricare la propria alimentazione con cibi ipocalorici o senza calorie, che tendono ad essere poveri di altri nutrienti.

NOTA: L’eritritolo ha un potere dolcificante stimato intorno al 60 – 80% del comune saccarosio (quindi non puoi usare la stessa quantità di eritritolo come faresti con lo zucchero). Cioè 100g di zucchero corrispondono a circa 130g di eritritolo.